08
Ott

RISTRUTTURARE CASA CON GRANIGLIA, MARMETTE E MARMETTONI

Appartamento da ristrutturare e pavimentazioni esistenti in graniglia, marmette e marmettoni. Tenerle o non tenerle? Dilemma!

Chi sogna una casa in stile contemporaneo o minimal teme di non poterle integrare, se non a scapito della “pulizia” dell’ambiente. Chi sogna atmosfere più calde teme a sua volta che, mantenendole, otterrebbe ambienti freddi e poco accoglienti.

Avete mai pensato che potrebbe non essere così? O che potreste avere in casa un piccolo tesoro?

La graniglia, materiale ottenuto dagli scarti della lavorazione del marmo, nasce verso la fine dell’800 come semplificazione della tecnica del terrazzo veneziano; fino agli anni ‘40 si propone come un materiale artigianale di gran pregio, ricco di proposte decorative che fioriscono, letteralmente, nei motivi Art Nouveau. Negli anni successivi la graniglia inizia ad essere sostituita dalle marmette (spesso protagoniste delle abitazioni anni ’50), sempre ottenute dagli scarti della lavorazione del marmo, ma frutto di un processo produttivo su larga scala. Il declino inizia negli anni ’60, col farsi strada nel mercato dell’edilizia delle pavimentazioni di produzione industriale.

cucina-c-flavia

Si tratta quindi di finiture belle e pregiate, che necessitano solo di un buon restauro eseguito da un bravo levigatore. Materiale elegante e versatile, la graniglia propone una gran varietà di accostamenti di colori e geometrie: ne deriva una caratteristica eterogeneità che lascia spazio agli abbinamenti più disparati. Da usare con gusto e consapevolezza, tante sono le soluzioni che possono avvicinarla al nostro pensiero di “casa”, a seconda che si voglia enfatizzare o smorzare l’importante presenza.

Ad esempio, individuati i colori dominanti della pavimentazione mantenuta, si può giocare di contrasti, per un effetto di impatto che miri a fare proprio del pavimento il protagonista indiscusso dell’ambiente, o assecondare le tonalità esistenti con continui rimandi nei muri, negli arredi, nella tappezzeria.

casa-graniglia-1

Quest’ultima può essere un valido alleato, un dettaglio importante cui affidare in parte la soluzione del compromesso fra i nostri gusti e il carattere forte di queste finiture: un morbido tappeto, magari in una tinta unita che rimandi alle tonalità già presenti a terra, riuscirà sicuramente a conferire all’ambiente molto calore e allo stesso tempo valorizzare la preesistenza!

Graniglia e marmette oggi stanno tornando in auge: diverse sono le aziende e gli artigiani che le reinterpretano e ripropongono non solo come pavimentazione, ma anche come rivestimento di bagni, pareti e top per la cucina.

In procinto di riammodernare o ristrutturare casa, confrontarsi con queste preesistenze è pertanto una grande opportunità, che ben merita un momento di riflessione in più: ne trarrà giovamento anche il budget!

studio-c-flavia

 

 

flaviaArticolo di Flavia B.

 

Comments ( 0 )